CHE PESCI PRENDERE?

che-pesci-prendere-edy-virgili

Per stare in salute ed avere una buona forma fisica si consiglia di mangiare pesce almeno 2-3 volte a settimana, preferendo pesce di pescato locale, di stagione e di piccola taglia.

La porzione di pesce in un pasto dovrebbe essere di circa 150-200 grammi e il pesce dovrebbe essere cucinato per poco tempo e a bassa temperatura affinché le proprietà nutrizionali non vengano perse.

Purtroppo oggi la metà dei prodotti ittici consumati nel mondo proviene da allevamenti:
il pesce pescato è sempre più scarso e poco accessibile per il prezzo elevato.
L’acquacoltura al contrario permette di tenere i prezzi bassi, permette una maggiore sostenibilità ambientale e inoltre procura molti posti di lavoro.

Generalmente si preferisce scegliere il pesce pescato, sicuramente migliore da un punto di vista organolettico e qualitativo, più buono, meno grasso e con una composizione in grassi migliore (maggior quantitativo di omega-3).

Il pesce allevato però non è tutto uguale e possiamo distinguerne diverse tipologie per qualità, gusto e composizione nutrizionale in base al tipo di allevamento (in mare aperto o in vasche) e al tipo di mangime fornito.
Se un allevamento è in mare aperto il pesce vivrà a temperature più fredde e potrà nuotare di più e in spazi più grandi, di conseguenza avrà carni più magre e più ricche in omega-3.
I grassi omega-3, particolarmente utili per la loro azione antiinfiammatoria e protettiva nei confronti delle problematiche cardiovascolari, sul profilo lipidico, sul sistema nervoso e sul sistema immunitario, non variano solo in base alla temperatura a cui il pesce viene allevato, ma soprattutto rispetto al tipo di dieta fornita al pesce.
Al contrario se il pesce viene allevato in vasche, a temperature più elevate e con mangimi di bassa qualità il pesce sarà composto da acidi grassi polinsaturi ma del tipo omega-6, con un impatto completamente diverso sulla salute, seppur non del tutto negativo.

È buona norma preferire i pesci allevati nell’Unione europea perché maggiormente controllati e leggere l’etichetta del pesce, dove viene indicata la tracciabilità.

 

Dott.ssa Edy Virgili

Articoli Correlati

frutta-secca-oleosa-dott-ssa-edy-virgili-nutrizionista

FRUTTA SECCA OLEOSA, UTILIZZI E BENEFICI

Spesso le persone rimangono stupite quando si consiglia di mangiare la frutta secca oleosa. In realtà la frutta secca oleosa possiede veramente innumerevoli proprietà nutrizionali in quanto ricchissima di sali minerali, vitamine, grassi utili per il nostro benessere, fibre e proteine. Inoltre va anche sfatato il discorso che faccia ingrassare, […]

Leggi tutto
accorgimenti-per-una-buona-digestione-dott-ssa-edy-virgili

ACCORGIMENTI PER UNA BUONA DIGESTIONE

Troppo spesso le persone della società moderna lamentano problematiche digestive di vario tipo come il reflusso gastrico, l’eruttazione, il meteorismo, l’acidità post-prandiale, la sonnolenza, ecc… A volte è sufficiente utilizzare piccoli accorgimenti per evitare tanti di questi fastidi, che riducono la qualità della vita. 1) Masticare bene, ricordiamoci che la […]

Leggi tutto

ASSOCIATA

AIMESSSNVARTIBBFNSIO
error: Il contenuto è protetto.

Su questo sito Web utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file chiamati (cookie) sul tuo dispositivo.
I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione).
Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione.
Abilitando i cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy.