INTOLLERANZA ALL’ISTAMINA

intolleranza-all-istamina

L’istamina è un composto azotato, che viene prodotto a partire dall’istidina.

Questa molecola è coinvolta nei meccanismi digestivi, nel sistema immunitario e come neurotrasmettitore. 

Funziona come “mediatore chimico” ampiamente diffuso nell’organismo umano, in particolare a livello di sistema immunitario, dove l’eccessiva liberazione ha un ruolo fondamentale nell’infiammazione e nelle patologie allergiche.

La maggior parte dell’istamina viene immagazzinata a livello dei mastociti e dei granulociti basofili, ma si trova in buone concentrazioni anche a livello del sistema nervoso centrale e sulla mucosa del tratto gastrointestinale.

Oltre ad essere prodotta a livello endogeno, è presente in numerosi alimenti e dopo essere stata ingerita viene degradata velocemente dalla diaminossidasi (DAO), un enzima che si trova nell’intestino tenue, al fine di evitarne l’assorbimento. Questo meccanismo non funziona correttamente nelle persone affette da intolleranza all’istamina, dove l’enzima DAO non è presente in quantità sufficiente. Di conseguenza, l’istamina in eccesso si riversa nel sangue provocando intolleranza con la comparsa di sintomi che possono facilmente essere scambiati per reazioni allergiche (disturbi gastroenterici, emicrania, orticaria, prurito, dermatite, asma, difficoltà respiratorie, nausea, palpitazioni, vertigini, irritazione mucose, ecc…).

L’istamina svolge la propria azione legandosi a recettori specifici posti sulla membrana cellulare, con effetti diversi a seconda del sito e del tipo di recettore con cui interagisce. Attualmente, si conoscono quattro tipi di recettori per l’istamina, definiti rispettivamente H1 (nelle cellule dell’endoltelio, dei muscoli, del surrene, del cuore e del sistema nervoso centrale), H2 (nelle cellule della parete gastrica, dei muscoli lisci, del cuore e del sistema nervoso centrale), H3 (nelle cellule enterocromaffini intestinali, nelle cellule del sistema nervoso centrale e dei nervi periferici) ed H4 (nelle cellule del midollo osseo, milza e dei globuli bianchi) (tabella 1).

Essendo veramente tante e tanto invalidanti le sintomatologie da intolleranza all’istamina, in alcune situazioni una dieta a scarico istaminico priva di cibi ricchi in istamina o istaminoliberatori (in grado di determinare il rilascio dell’istamina) potrebbe essere una soluzione da proporre.

Di seguito l’elenco dei cibi ricchi in istamina e istamina-liberatori.

ALIMENTI RICCHI IN ISTAMINA

  • Formaggi fermentati e stagionati
  • Estratto di lievito
  • Dadi
  • Pesce conservato (tonno, aringhe, alici, acciughe, sardine, bottarga, caviale)
  • Pesce fresco (tonno, sardine, alici, salmone, crostacei, frutti di mare)
  • Sgombro”(Sindrome Sgombroide)
  • Selvaggina
  • Insaccati di maiale e bue
  • Cibi affumicati
  • Spinaci, pomodori, patate, cavolfiore, cavolo, melanzane
  • Uva, agrumi, avocado, banane, lamponi
  • Cioccolato
  • Vino, birra e spumante
  • Aceto

 

ALIMENTI ISTAMINO LIBERATORI

  • Albume d’uovo
  • Cioccolato, caffè
  • Frutta secca e castagne
  • Alcool
  • Fragole, agrumi, mirtillo rosso, kiwi, papaya e ananas
  • Molluschi e crostacei
  • Legumi
  • Fecola di patate
  • Pomodori
  • Spezie
  • conservanti alimentari (es. benzoati)

 

FARE INOLTRE ATTENZIONE AI FATTORI CHE AUMENTANO L’ASSORBIMENTO DI ISTAMINA:

Farmaci come salicilici e altri antiinfiammatori non steroidei, purganti chimici, antibiotici; dieta ricca di amidi come fagioli, piselli, castagne; alimenti contenenti nitriti, come i cibi
conservati e insaccati; alimenti irritanti come spezie, alcool e caffè.

tabellaBibliografia:

The role of histamine in neurogenic inflammation»; A C Rosa and R Fantozzi; British Journal of Pharmacology, 2013.

«Histamine and histamine intolerance»; L. Maintz and N. Novak; Am J Clin Nutr 2007.

Articoli Correlati

dieta-e-latte-dott-ssa-edy-virgili

DIETA E LATTE

Molto spesso ci troviamo difronte a dati scientifici discordanti, soprattutto per quanto concerne l’alimentazione. In questo articolo voglio parlarvi del latte, basandomi su una review appena pubblicata sul “New England Journal of Medicine” (febbraio 2020), che ci dà molti spunti di riflessione. Gli autori rivedono il ruolo del latte nella […]

Leggi tutto
intolleranza-lattosio-dott-ssa-edy-virgili

INTOLLERANZA AL LATTOSIO

L’intolleranza al lattosio, che riguarda circa la metà della popolazione italiana, si verifica quando una persona non riesce a digerire il lattosio, ovvero lo zucchero contenuto nel latte, a causa di una carenza o insufficienza dell’enzima lattasi. Generalmente questo problema ha origine genetica, ma può dipendere anche da una disbiosi […]

Leggi tutto
alimentazione-e-disfonie-dott-ssa-edy-virgili

ALIMENTAZIONE E DISFONIE

Le disfonie principalmente dipendono da un eccesso di peso corporeo e dal reflusso gastroesofageo. In realtà sovrappeso ed obesità sono una delle cause del reflusso gastroesofageo. In caso di reflusso si verifica una diminuzione del tono dello sfintere esofageo inferiore (SEI in italiano/LES in inglese Lower Esophageal Sphinctere), cioè la […]

Leggi tutto

ASSOCIATA

AIMESSSNVARTIBBFNSIO
error: Il contenuto è protetto.

Su questo sito Web utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file chiamati (cookie) sul tuo dispositivo.
I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione).
Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione.
Abilitando i cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy.