Oncologico

correlazione-tra-alimenti-bio-e-cancro-dottoressa-edy-virgili

CORRELAZIONE TRA IL CONSUMO DI ALIMENTI BIOLOGICI E RISCHIO DI CANCRO

A livello mondiale vengono identificati sempre di più nuovi casi di cancro, che purtroppo rimane una delle principali cause di mortalità.
Tra i fattori di rischio ambientale molte sono le preoccupazioni riguardo l’esposizione a diverse classi di pesticidi, in particolare attraverso l’esposizione professionale.

Sempre maggiori sono le prove e gli studi che confermano la correlazione tra cancro ed esposizione a pesticidi.

Non sono ancora noti gli effetti rispetto alle dosi dei pesticidi né gli effetti di cocktail di pesticidi tra di loro e con altre molecole ambientali tossiche.

Negli alimenti biologici non è consentito l’uso di fertilizzanti sintetici, di pesticidi, di
organismi geneticamente modificati e di medicinali nella zootecnia, quindi contengono meno residui di molecole tossiche rispetto ai cibi convenzionali.

Il mercato del biologico è in continua crescita sia grazie agli incentivi nazionali sia per la maggior richiesta degli utenti sempre più malati.

Secondo un rapporto dell’Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare del 2018, il 44% dei campioni alimentari prodotti convenzionalmente conteneva 1 o più residui quantificabili, mentre solo il 6,5% degli alimenti biologici conteneva residui misurabili.

In accordo con questo dato, le diete principalmente costituite da alimenti biologici sono state collegate ad un abbassamento dei livelli di pesticidi urinari rispetto alle diete convenzionali.

Sono noti da anni i danni causati da alcuni erbicidi ed insetticidi come il glifosato e il diazinone.
Il glifosato può portare ad un lento accumulo di danni sistematici in alcune proteine, in quanto può essere erroneamente incorporato durante la sintesi proteica e questo processo potrebbe spiegare la correlazione con patologie tumorali e neurodegenerative, inoltre, come dimostrato da diversi studi, sembra agire come interferente endocrino.
Il diazinone invece sembra aumentare in modo significativo il rischio di linfomi non Hodgkin.

Grazie alla minore esposizione ai residui di pesticidi, si può ipotizzare che i consumatori di alimenti biologici possano avere un minor rischio di sviluppare il cancro.

Inoltre, i pesticidi ammessi nell’agricoltura biologica in Europa, mostrano effetti tossici molto più bassi rispetto ai pesticidi usati nell’agricoltura convenzionale.

Molti sono gli studi che confermano la correlazione inversa tra cancro e consumo prevalente di alimenti biologici, soprattutto se questo fattore viene associato con altri stile di vita sani.

Sebbene siano necessari ulteriori studi per confermare i dati fin ora ottenuti, promuovere il consumo di alimenti biologici nella popolazione potrebbe essere una promettente strategia per prevenire il cancro.

“Association of Frequency of Organic Food Consumption With Cancer Risk. Findings From the NutriNet-Sante Prospective Cohort Study”; Julia Baudry et al.; JAMA Internal Medicine; 22 october 2018.

“Glyphosate pathways to modern disease V: Amino acid analogue of glycine in diverse proteins”; Samsel A. and Seneff S.; Journal of Biological Physics and Chemistry; 2016.

“The association between non-Hodgkin lymphoma and organophosphate pesticides exposure: a meta analysis”; Liqin Hu et al.; Environmental Pollution; 2017.

correlazione-tra-consumo-di-alimenti-biologici-e -rischio -di-cancro

Dott.ssa Edy Virgili

Dagli articoli Oncologici

anemia-e-cancro

ANEMIA E CANCRO

Una delle principali problematiche che si riscontra in caso di neoplasia è l’anemia sideropenica, con una prevalenza che cambia a seconda del tipo di

Read More
error: Content is protected !!