PUBBLICITÀ, ALIMENTI E BAMBINI CONSUMATORI

bambini-televisione

Il rapporto bambini-televisione è un argomento che interessa molti studiosi, i quali vogliono comprendere gli effetti che questo può avere sui piccoli telespettatori.
Un po’ meno interessati sono i genitori, per i quali la Tv è un’ottima baby-sitter.

La cosa su cui più si presta attenzione è il “potere” della pubblicità, che da una parte determina scelte di consumo e dall’altra propone modelli comportamentali, non sempre adeguati per i bambini.

Il bambino concepisce la pubblicità come parte integrante del programma televisivo, soprattutto se trova i personaggi dei cartoni animati

La pubblicità si pone come soluzione di continuità tra un programma e l’altro, ma anche all’interno della giornata poiché la troviamo nei giornali, sulla strada, ecc… La pubblicità è strutturata con una propria logica e caratteristica, come se fosse un programma televisivo, dietro alla sua creazione ci sono veri e propri psicologi.

I bambini imparano presto a gestire il linguaggio della Tv e della pubblicità, sono capacissimi di analizzarne la struttura narrativa e valutarne l’efficacia persuasiva; la pubblicità quindi diventa una vera subcultura preadolescenziale, creando legami sociali e di appartenenza fra coetanei. Essa passa principalmente per canali emotivi, mette in moto il meccanismo del desiderio e invoglia al possesso.

Premesso tutto questo la riflessione è verso tutte quelle pubblicità che riguardano il tema “alimentazione”.

Spesso capita di vedere nei supermarket mamme disperate con bambini che pur di ottenere il prodotto desiderato piangono e strillano e a poco vale il tentativo del genitore di persuaderlo verso un altro alimento.

 

Ma quanto sono sani gli alimenti tanto pubblicizzati?

Quanti genitori analizzano l’ ingredientistica e la composizione nutrizionale di ciò che acquistano?

I vari prodotti dolciari (merendine, biscotti, snack, etc.) purtroppo sono pieni di coloranti e conservati, spesso sono preparati con farina di bassa qualità anche da cereali Ogm, zuccheri raffinati, contengono grassi idrogenati oppure oli vegetali, che tradotto significa olio di palma.

Per i prodotti salati vale lo stesso discorso.

Forse varrebbe la pena far vedere meno TV ai nostri figli, ma potrebbe essere un pensiero utopico e stupido visto che siamo nell’era multimediale, dove la tv (e anche i libri purtroppo) fra qualche anno sarà superata dai tablet.

Forse sarebbe utile non portare i bambini nei negozi, ma prima o poi faranno questa “traumatica” esperienza.

Sarebbe anche interessante pensare di dialogare un po’ di più con queste piccole creature e cercare di spiegare cosa fa bene mangiare, ma sappiamo che le chiacchiere servono a poco!

La cosa fondamentale rimane l’esempio del genitore e lo stile alimentare che viene adottato nella famiglia, cercando di preparare in casa dolci e biscotti e proporre un po’ più di frutta per le merende.


Dott.ssa Edy Virgili

Print Friendly, PDF & Email

Articoli Correlati

nutrizione-e-benessere

PREPARANDOSI PER L’ESTATE: NUTRIZIONE, SALUTE E BELLEZZA

Con il termine nutrizione intendiamo tutti i processi e funzioni che permettono la digestione, l’assorbimento e l’utilizzo degli alimenti, dai quali possiamo trarre molecole essenziali che da soli non siamo in grado di produrre, garantendo le nostre funzioni vitali, la nostra sopravvivenza ed il nostro benessere psico-fisico. Purtroppo nella moderna […]

Print Friendly, PDF & Email
Leggi tutto

ALIMENTAZIONE E FIBROMIALGIA

La fibromialgia è una malattia cronica in cui una condizione di dolore generalizzato è solitamente accompagnata da altri sintomi come la fatigue, disturbi del sonno, disturbi dell’umore, mal di testa, sindrome da colon irritabile, ecc… Sebbene sia nota da moltissimi anni, la fibromialgia è stata solo di recente oggetto di […]

Print Friendly, PDF & Email
Leggi tutto
frutta-verdura-di-stagione

LA STAGIONALITÀ DI FRUTTA E VERDURA

Oggi l’offerta di frutta e verdura è sempre più varia e tutto l’anno troviamo qualsiasi tipologia di alimento vegetale. Qualche anno fa la nostra condotta alimentare era ben diversa: frutta e verdura si trovavano solo durante i periodi di raccolta, a volte anche molto corti L’attuale continuità di offerta è […]

Print Friendly, PDF & Email
Leggi tutto

ASSOCIATA

ARTOISSNVFI.MAR.ABNISINSEB
error: Il contenuto è protetto.