SI PUÒ MANGIARE LA FRUTTA DOPO I PASTI?

frutta-dopo-i-pasti-edy-virgili

Dipende…

La frutta è tra gli alimenti migliori che possiamo scegliere in quanto ricca di vitamine, sali minerali e fibre, con poche calorie e buona di sapore, ma dobbiamo fare attenzione perché ricca di zuccheri, che possono farci ingrassare e possono essere digeriti in modo diverso a seconda della composizione del microbiota che ognuno di noi ha.
La frutta all’interno di un pasto deve essere intanto considerata per il suo apporto di zuccheri, quindi se già un pasto è di suo ricco di zuccheri (es. un piatto di pasta o di legumi), aggiungere la frutta non ha senso, si andrebbe solo a sovraccaricare l’organismo di uno stesso nutriente.

Questo non significa che la frutta faccia ingrassare, significa solo che dobbiamo contare quanti zuccheri stiamo introducendo in un pasto!

Se abbiniamo la frutta in un pasto con pochi zuccheri (ad es. carne ed insalata) e in quantità idonea (es. 1 frutto) non si verificano sovraccarichi di zuccheri e problemi connessi.
Inoltre mangiare la frutta prima di un pasto povero di zuccheri può essere utile per due motivi: il primo è che la frutta, ricca di acqua e fibre, permette di ridurre l’appetito aumentando il senso di sazietà e quindi aiuta ad introdurre meno calorie durante il pasto;
il secondo è che la frutta, ricca di enzimi digestivi, cioè molecole che permettono una digestione migliore, favorisce i processi digestivi successivi al pasto.

Ritorniamo però sul quantitativo di zuccheri contenuti nella frutta, rappresentati per metà dal fruttosio, uno zucchero semplice che a volte può determinare grossi problemi di digestione e soprattutto gonfiore addominale, così come gli oligosaccaridi che si formano da esso, i fruttani.
Se insieme alla frutta associamo alimenti ricchi di zuccheri semplici (mono e oligosaccaridi) simili a quelli della frutta (es. lattosio del latte o glucidi del pane) o alimenti ricchi di fibre il problema della digestione e del gonfiore aumenta enormemente.

Quindi il consiglio è quello di abbinare la frutta in pasti dove non si consumino alimenti contenenti zuccheri, in modo che questi nutrienti non superino la dose tale per cui poi si va incontro a disturbi gastrointestinali.

Inoltre, ognuno di noi ha un diverso microbiota e tutto quello che fin ora abbiamo detto può cambiare a seconda della composizione microbiologica!

Infine attenzione allo stress…

qualsiasi alimento può risultare indigesto se lo consumiamo in un momento sbagliato, durante una telefonata, dopo un litigio, dopo una brutta notizia, ecc…

Articoli Correlati

ipotiroidismo-dott-ssa-edy-virgili

IPOTIROIDISMO E NUTRIZIONE: QUALI ALIMENTI SCEGLIERE

L’ipotiroidismo è una sindrome clinica del sistema endocrino dovuta ad un deficit degli ormoni tiroidei (triiodotironina e tetraiodotironina o tiroxina) prodotti dalla tiroide. Questa condizione comporta una riduzione generalizzata di tutti i processi metabolici dell’organismo e può causare una serie di sintomi come stanchezza, scarsa capacità di tolleranza al freddo, aumento di peso, ecc… Nei bambini, l’ipotiroidismo porta a ritardi nella crescita e nello […]

Leggi tutto
paziente-con-stomie-dottoressa-edy-virgili

CONSIGLI NUTRIZIONALI NEL PAZIENTE ONCOLOGICO PORTATORE DI STOMIE

Il cibo dallo stomaco passa nell’intestino tenue e poi nel colon. Nel tenue avviene la parte più importante della digestione, dove si assorbono le sostanze nutritive fondamentali, ed il cibo in esso contenuto è in forma liquida o semiliquida. Nel colon arrivano i residui non digeribili, che vengono disidratati e […]

Leggi tutto
ipertensione-arteriosa-e-alimentazione-dott-ssa-edy-virgili

IPERTENSIONE ARTERIOSA E ALIMENTAZIONE

Generalmente l’ipertensione arteriosa è una patologia multifattoriale e viene definita “primaria” quando non è possibile individuare una causa ben precisa. Solo una piccola percentuale (circa il 5 %), che viene definita “secondaria”, invece dipende da malattie ereditarie e non, che possono interessare il cuore, i vasi, i reni, i surreni, […]

Leggi tutto

ASSOCIATA

AIMESSSNVARTIBBFNSIO
error: Il contenuto è protetto.

Su questo sito Web utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file chiamati (cookie) sul tuo dispositivo.
I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione).
Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione.
Abilitando i cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy.