COME INVOGLIARE I BAMBINI A MANGIARE VERDURE

invogliare-bambini-mangiare-verdure-dottoressa-edy-virgili

Frequentemente ci troviamo difronte a bambini che non consumano verdure, spesso senza sapere che sapore abbiano. Le motivazioni che stanno alla base di questo macroscopico fenomeno sono innumerevoli: possiamo parlare dal gusto (assolutamente soggettivo) del bambino, di istinto naturale, di abitudini familiari e via dicendo fino ad arrivare all’epigenetica.

Sta di fatto che quale sia la causa del problema questo va affrontato e risolto, poiché per sopravvivere nell’attuale “pianeta terra” dovremmo cercare tutti quanti di consumare molti più alimenti di origine vegetale e molti meno alimenti di origine animale!

Nonostante le varietà di colori e sapori delle verdure l’approccio con queste per alcuni bambini è traumatico ed è piuttosto inutile sta a dire e ripetere innumerevoli volte che “le verdure fanno bene”: il messaggio a volte passa sbagliato, soprattutto se è il genitore a dirlo. Sembra essere molto più efficace “l’esempio” dato durante il pasto dal genitore e non solo, altre importantissime figure di riferimento, soprattutto per i bambini piccoli, sono gli insegnanti e gli educatori.

Se gli adulti iniziassero a valorizzare di più le verdure e non le considerassero solo un semplice contorno ai figli arriverebbe un messaggio diverso

ci sono interessanti studi fatti sulle famiglie vegetariane, nelle quale è rarissimo trovare bambini che non mangiano verdure, ma per il vegetariano le verdure è la pietanza principale e non il contorno!

Si potrebbe utilizzare la verdura come antipasto e se si utilizzasse un po’ di fantasia sarebbe oltre che sano anche divertente e colorato, inoltre all’inizio del pasto si ha sempre molto appetito, mentre alla fine, quando già ci siamo sovraccaricato con pasta, carne e pane sicuramente queste verdure non saranno tanto apprezzate…

La prima cosa per educare i figli a mangiare le verdure è “dare il buon esempio”:

se i genitori per primi non gradiscono le verdure anche i figli si sentiranno autorizzati a pensarla allo stesso modo e agiranno di conseguenza.
È necessario poi cercare di capire perché un bambino non ama e non mangia la verdura iniziando a parlarne con il bambino stesso: potrebbe essere utile proporre le verdure in modo diverso, oppure potrebbero emergere tipi precisi di verdure che il bambino non ama in modo da cucinarne altre e pian piano aumentare la varietà di verdure proposte in tavola;

qualche volta anche il tipo di cottura può fare la differenza: sicuramente una zucchina bollita non risulta tanto appetibile come una zucchina gratinata o ripiena!

Bisogna iniziare sempre con piccole porzioni, in modo rendere il pasto facile e non uno “sforzo faticoso”. Un suggerimento per abituare i bambini sin da piccoli a familiarizzare con le verdure, potrebbe essere quello di cucinare insieme a loro, rendendoli anche partecipi con piccoli compiti, semplici e non pericolosi, come pulire i fagiolini, piselli, bietole.
I bambini sono curiosi e apprendono velocemente quindi risulta sicuramente utile mostrare loro come si prepara una pietanza e cosa succede agli alimenti con la cottura.

Consideriamo poi l’utilità di queste azioni a livello educativo e di responsabilizzazione.
Un’altra idea è quella di creare un angolo in giardino oppure sul balcone per coltivare erbe aromatiche oppure verdure semplici da far crescere, anche nei vasi.

Coinvolgere i bambini nella creazione e cura di un piccolo orto è sicuramente un’attività gradita, in quanto amano lavorare e toccare la terra, piantare e far crescere qualcosa di “proprio”.
Difficilmente un bambino rifiuterà di assaggiare e mangiare il “frutto” del proprio lavoro.

Insomma impiegando poche energie, poco tempo e pochi soldi, ma tanto amore, si può modificare il gusto (e non solo!) di un bambino.

 

Dott.ssa Edy Virgili

Articoli Correlati

nutrilipidomica-in-oncologia-dott-ssa-edy-virgili

LIPIDOMICA E NUTRILIPIDOMICA IN ONCOLOGIA

(scritto in collaborazione con il dott. Michele Spina) La lipidomica permette di valutare, su diverse matrici biologiche, le unità fondamentali delle classi di acidi grassi che compongono le nostre membrane cellulari: SFA (Saturated Fatty Acids), MUFA (Mono Unsaturated Fatty Acids), PUFA (Poly Unsaturated Fatty Acids). Ne studia non solo la […]

Leggi tutto
Fibromialgia-dottoressa-edy-virgili

ALIMENTAZIONE E FIBROMIALGIA

La fibromialgia è una malattia cronica in cui una condizione di dolore generalizzato è solitamente accompagnata da altri sintomi come la fatigue, disturbi del sonno, disturbi dell’umore, mal di testa, sindrome da colon irritabile, ecc… Sebbene sia nota da moltissimi anni, la fibromialgia è stata solo di recente oggetto di […]

Leggi tutto
soia-e-tumore-al-seno

SOIA E TUMORE AL SENO

Il tumore più diffuso tra le donne è il carcinoma mammario Purtroppo, nonostante molti progressi siano stati fatti in ambito oncologico, questo tipo di cancro spesso diventa resistente alla chemioterapia, alla radioterapia e alle terapie ormonali. Si stima che ci siano ogni anno in tutto il mondo 14 milioni di […]

Leggi tutto

ASSOCIATA

ARTOISSNVFI.MAR.ABNISINSEB
error: Il contenuto è protetto.