INTOLLERANZA AL LATTOSIO

intolleranza-lattosio-dott-ssa-edy-virgili

L’intolleranza al lattosio, che riguarda circa la metà della popolazione italiana, si verifica quando una persona non riesce a digerire il lattosio, ovvero lo zucchero contenuto nel latte, a causa di una carenza o insufficienza dell’enzima lattasi.
Generalmente questo problema ha origine genetica, ma può dipendere anche da una disbiosi dell’intestino tenue, cioè un’alterazione della composizione del microbiota.

L’intolleranza al lattosio può comparire sin dall’infanzia o manifestarsi in età adulta.

Se l’intolleranza è genetica l’organismo non è in grado di produrre enzima lattasi e il disturbo si manifesta già durante lo svezzamento.
Raramente il neonato è completamente privo di lattasi e manifesta i sintomi già durante l’allattamento materno.

Quando l’intolleranza al lattosio è acquisita (o secondaria) può insorgere in qualsiasi momento della vita e generalmente dipende da un’alterazione del microbiota dovuta a patologie, lesioni o infiammazioni a carico dell’intestino oppure a terapie antibiotiche che inibiscono l’attività dell’enzima lattasi.
In caso di intolleranza acquisita il problema potrebbe essere transitorio e il lattosio dopo un periodo di disintossicazione di almeno 4-6 mesi potrebbe essere reintrodotto gradualmente.

Il lattosio è un disaccaride che per essere metabolizzato dall’organismo deve essere prima scisso dalla lattasi nell’intestino tenue nei due zuccheri semplici che lo compongono: galattosio e glucosio.
Qualora l’enzima lattasi sia assente o insufficiente, il lattosio non riesce ad essere digerito e rimane nell’intestino, dove fermenta ad opera dei microorganismi intestinali, richiamando liquidi e producendo gas in eccesso, e determinando i vari fastidi associati all’intolleranza al lattosio (flatulenza, gonfiore, dolori addominali, evacuazione irregolare, nausea, mal di testa, stanchezza, eruzioni cutanee di vario tipo).

La sintomatologia associata a questo malassorbimento può variare da soggetto a soggetto, in base alla gravità dell’intolleranza e dalla composizione dal pasto consumato.

Per diagnosticare l’intolleranza al lattosio l’esame comunemente effettuato e scientificamente riconosciuto è il breath test (test del respiro), esame non invasivo che consiste nell’analisi dell’aria espirata dal soggetto prima e dopo la somministrazione di una dose di lattosio.

Se il lattosio non viene digerito e inizia a fermentare si ha un’iper-produzione di idrogeno: se il test rivela che l’aria espirata è troppo ricca di questo gas, significa che è presente l’intolleranza.
Inoltre è possibile effettuare i test genetici che verificano la predisposizione genetica a questo disturbo.

Articoli Correlati

malattie-autoimmuni-dottoressa-edy-virgili

LE MALATTIE AUTOIMMUNI

“Con malattia autoimmune si indica l’alterazione del sistema immunitario che dà origine a risposte immuni anomale o autoimmuni, cioè dirette contro componenti dell’organismo umano in grado di determinare un’alterazione funzionale o anatomica del distretto colpito” (fonte Wikipedia). In altre parole il corpo umano attacca le proprie cellule e organi, distruggendole […]

Leggi tutto
le-regole-d-oro-per-il-benessere-del-microbiota-intestinale-edy-virgili

“LE REGOLE D’ORO PER IL BENESSERE DEL MICROBIOTA INTESTINALE”

1. Bere molta acqua (circa 30 ml per chilo di peso corporeo), possibilmente imbottigliata alla sorgente e non contenente DBP (Disinfection By-Products), composti organici ed inorganici derivanti dalla reazione dei comuni sistemi di disinfezione (ozonizzazione, ipoclorito di sodio, biossido di cloro, clorammine) con la materia organica presente nell’acqua. L’acqua deve […]

Leggi tutto
anemia-e-cancro

ANEMIA E CANCRO

Una delle principali problematiche che si riscontra in caso di neoplasia è l’anemia sideropenica, con una prevalenza che cambia a seconda del tipo di tumore. L’anemia inoltre aumenta a seconda delle dimensioni della neoplasia, dell’età del soggetto e con lo stadio di avanzamento della malattia. Anche le terapie antiblastiche possono […]

Leggi tutto

ASSOCIATA

AIMESSSNVARTIBBFNSIO

Su questo sito Web utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file chiamati (cookie) sul tuo dispositivo.
I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione).
Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione.
Abilitando i cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy.